Stampa

da via Montenero a piazza Cappelli - zona: Porta Vittoria


Dalla nativa Nizza, ove era nato nel 1812 (taluni testi portano 1802) era emigrato nel 1831 in Francia (Nizza era italiana) e poi in Egitto, dove aveva prestato servizio nell'esercito di Ibrahim Pascià, acquistandosi il grado di colonnello, combattendo nel Sudan. Tornato in Italia, si trovava da poche settimane a Milano, quando scoppiò nel '48 la sommossa delle Cinque Giornate, alla quali prese parte attiva, dirigendo le forze degli insorti. Piantò per primo la bandiera tricolore sui vetusti archi di Porta Nuova, dopo aver snidato un centro di resistenza dei granatieri austriaci. Il 21 marzo, mentre dall'edificio di Monte di Pietà organizzava l'assalto puntando e scaricando egli stesso un cannoncino di bronzo, cadde ucciso da una palla di moschetto.

 

 

 

 

 

anno 2016