Maner de dì - Cabaret Milano Duemila - Results from #100

«MOGNAGA, DÒNN, LA BÈLLA MOGNAGA!», Albicocca, donne, la bella albicocca!


«DÒNNE GH'È CHÌ EL MOLÈTTA…», donne c'è qui l'arrotino.


«BALL DE L'ALTER MOND», frottole dell'altro mondo, incredibili.


«MONDEGHILI E CROCCHÈTT DE POLLASTER», polpette di carne e "croquettes" di pollo.


«BÈLL MORIGIOEU D'ÒR», bel topino d'oro.


«VIV A L'ALBÈRGO DEL MORON», vivere all'albergo del Morone.


«A MILAN ANCA I MORON FAN L'UGA»: "a Milano anche i gelsi danno uva"


«LA COMPAGNIA DE LA MÒRT», la compagnia della morte.


«AVÈGH LA MOTRIA», "avere il broncio".


«FA' LA FIN DEL NAPO», fare la fine del Napo, cioè una brutta fine.


«AVÈGH EL MAL DE LA NÒNA», "avere il male della nona", essere colti da sonnolenza.


«PAN E NOS, MANGIÀ DE SPOS», pane e noci, mangiare da sposi.


«ANDÀ A OFF», "a ufo, senza spesa".


«T'È CAPII QUANT HINN I OR», hai capito l'antifona?


«AVÈGH I PRIMM ORÈGG», "avere le prime orecchie".


«VÈSS VOEUI 'ME ONA CANNA D'ÒRGHEN», essere vuoto come una canna d'organo, cioè affamato.


«EL PADRON L'È PADRON PERCHÉ SE EL GH'HA TÒRT EL VOEUR RESON», il padrone è padrone perché se ha torto vuole ragione.


«SE EL PO’ MINGA VEGNÌ LÙ, CH'EL MANDA I SÒ PAGN», se non può venire di persona mandi almeno i suoi vestiti.


«BRUSÀ EL PAJON», bruciare il sacco, battere qualcuno sul tempo, non tenere fede ad un impegno.


«POLENTA E PELLÀGRA HINN DÒ SORÈI», polenta e pellagra sono due sorelle.


«TE SEET ON PATTAN», sei un sempliciotto, un ingenuo.


«CAPPON DE PENDIZZI», cappone da onoranza.


«MA QUÈSTI HINN I PARER DE LA PERPETOA», ma questi sono i pareri della perpetua.


«LA PÈSTA DE BUST», la peste di Busto Arsizio.


«MANDÀ AL PAES DEL PEVER», mandare a quel paese.


«HOO MAI MANGIAA NEL TÒ PIATT», non ho mai mangiato nel tuo piatto.


«T'HEE MANGIAA I PIGNOEU?», hai mangiato i pinoli?


«EL GH'HA ON SACCH DE PILLERI», ha un sacco di soldi.


«DE NÒTT EL DÒRMA E DEL DÌ EL PISÒCCA», di notte dorme e di giorno si appisola.


Ricusa d'amore:
«SCIORA, IO L'AMO!!! MI DICA DI SI E FAREMO FOLLIE!!!»,
«MA VÀ LÀ CHE TE SEET AMMÒ ON PIVÈLL! VÀ A CÀ CHE LA MAMA LA TE SPÈTTA!». 


«ÒCCIO, GH'È CHÌ I POLEE!», occhio, c'è qui la polizia.


«VA' DE CORSA DAL POSTEE A TOEU ON POO DE SALAMM», va' di corsa alla posteria a prendere un po' di salame.


«ANIMAL DE PRESÈPI», "animale da presepio"


«L'HANN ARRESTAA IN DEL RACCANATT...», l'hanno arrestato dall'acquavitaio.


«TE SEET ON DRITTO FAA A RAMPIN», sei un dritto a rampino.


«MA VA' A CIAPPÀ DI RATT», ma va' a prendere topi!


«STOO IN CONTRADA DEL REBECCHIN», abito in contrada del Rebecchino.


«L'È ON IDEALISTA, ON SIGNOR DI RIBÈLL», è un idealista, un signore dei ribelli.


«OEH!...DAMAZZA DE RINGHERA», Ehi!!!... Gran dama da ringhiera.


«FÀ NAGÒTT E FÀ DANEE, L'È EL MESTEE DEL ROCCHETTEE»,
non far niente e far denaro è il mestiere del ruffiano.


«ANDÀ A ROEUDA»: "andare a ruota"


«AVÈGH SÒTTA DI BÈI ROGNONI»: "avere sotto dei bei rognoni"


«POVERÈTT, L'HA VARDAA I RONDIN A VOLÀ»,
poveretto, ha guardato le rondini volare.


«ANDÀ DENTER A LA S'CEPPACAZZUU»: "entrare alla rompi mestolo"


«A LA SANFASAN», senza cura, fatta malamente.


«COME TE SEE BÈLLA STASERA, TE SEE TUTTA SBARLUSENTA»,
come sei bella questa sera, sei tutta luccicante!


«AVÈGH LA LUNA DE SBIÈSS», "avere la luna di traverso"


«VA' CHE TE SBRÒFFI»,
guarda che ti spruzzo


«OEHI, TÌ SCHISCIADOLZ…»,
Ehi, tu pestapiedi….


«L'È TUTT SCIABALENT»,
è tutto sbilenco


«FÀ SCIAMBOLA»,

far gazzarra, far baracca


«LA BALLA COME ONA SCIORÈTTA»,
balla librata come una libellula. 


«VÀ DAL SCIOSTREE A TOEU EL CARBON»,
va' dal carbonaio a comprare il carbone.


«AVÈ MANGIAA EL SCOIN», "aver mangiato una scopa".


«M'È ANDAA GIÒ ONA SCORLERA»,

mi è scesa una smagliatura.


«A LA SPOSA GHE SE ALZA EL SCOSSAA»,

buona notizia: la sposa è incinta; infatti le si solleva il grembiule.


«SCUFFIÒTT»

scapaccione


«GH'HOO ADÒSS ONA SGAGNOSA CHE GHE VEDI PÙ»

ho addosso una fame che non ci vedo più.


«AVÈGH LA SGAIOSA» o «LA SGAIOSA LA VAR PUSSEE DE LA MOROSA»: "avere fame" o "la fame vale più della morosa".


«GH'HOO PER I MAN ON SGARZORIN CHE L'È ONA MERAVIGLIA»,

ho per le mani una ragazzina che è una meraviglia!


«SGURET EL COO IN DEL LÀMBER»,

pulisciti la testa nel Lambro.


«PANTÒFOL E SIBRÈTT A ONA MÒTTA AL PARA»
pantofole e pianelle a una Motta al paio


«SÒNAPIFFER»


«VÈSS ON SONÈLL A TRII BUS»,
essere un flauto a tre soli fori.


«AVÈGH NANCA EL TEMP DE SPUÀ PER TÈRRA»: "non avere nemmeno il tempo per sputare per terra"


«CHE SPUÈLL PER ONA CIALLÀDA»,
che baccano per una sciocchezza.


«PIÀNTEGH ONA STACCHÈTTA»,
piantaci un chiodo.


«ANDÀ COL COO A STONDERA»: "andare con la testa in tondo"


STRASCIAPÀTTA


STRAVACCÀ


«HOO CIAPPAA ON TAL STREMÌZZI CHE M'È ANDAA TUTT EL SANGH IN SACCÒCCIA»,
ho preso un tale spavento che il sangue mi è andato tutto in tasca.


«BATT I PAGN COMPAR LA STRIA»: "a battere i panni compare la strega" 


«ATTENZION, L'È VUN TAJAA», attenzione è uno tagliato.


«MÈJ ON TANABUS INCOEU CHE ON CASTÈLL DOMAN»,
meglio un tugurio oggi che un castello domani.


«T'HEE CAPII, FINALMENT?» «NO!» «MA ALLORA TE SEE PRÒPPI ON TARLUCCH».
«Hai capito finalmente?» «No!» «Ma allora sei proprio un testone».


«VÈSS IN AFFARI CONT EL TELL», essere in affari con il Tell.


«QUÈLL LÌ L'È ON TIRAPEE», quello lì è un galoppino.


«TIRASÀSS», impermeabile


«GIURIN GIURÈTTA, TOCCA FÈRR», giuramentino, giuramentetta, tocca ferro.


«FACCIA DE TÒLLA», faccia di latta.


«I DANEE HINN I TRAPPOLIN DI IDEI», i soldi sono il trappolino delle idee.


«GH'È CHI LA TRICOLORA: SE BEV, SE PACCIA, SE LAVA LA FACCIA»,
c'è qui il tricolore: si beve, si mangia e si lava la faccia.


LÀSSOM ANDÀ CHE SONT IN TRUSCIA»,
lasciami andare che sono di fretta.


«SONT IN RITARD PERCHÈ HOO MINGA TROVAA ON VIRGILI»,
sono in ritardo perché non ho trovato un Virgilio.


«BASÀ LA FACCIA AL VITTÒRI»,
baciare la faccia al Vittorio.


SON TRA I DÒ ZAPPÈTT»,
sono tra le due zappette.


«TE DO ON ZOROCCH»,
ti do un ceffone.


Cerca

Facebook!