Maner de dì - Cabaret Milano Duemila - Results from #100

«MA QUÈSTI HINN I PARER DE LA PERPETOA», ma questi sono i pareri della perpetua.


«LA PÈSTA DE BUST», la peste di Busto Arsizio.


«MANDÀ AL PAES DEL PEVER», mandare a quel paese.


«HOO MAI MANGIAA NEL TÒ PIATT», non ho mai mangiato nel tuo piatto.


«T'HEE MANGIAA I PIGNOEU?», hai mangiato i pinoli?


«EL GH'HA ON SACCH DE PILLERI», ha un sacco di soldi.


«DE NÒTT EL DÒRMA E DEL DÌ EL PISÒCCA», di notte dorme e di giorno si appisola.


Ricusa d'amore:
«SCIORA, IO L'AMO!!! MI DICA DI SI E FAREMO FOLLIE!!!»,
«MA VÀ LÀ CHE TE SEET AMMÒ ON PIVÈLL! VÀ A CÀ CHE LA MAMA LA TE SPÈTTA!». 


«ÒCCIO, GH'È CHÌ I POLEE!», occhio, c'è qui la polizia.


«VA' DE CORSA DAL POSTEE A TOEU ON POO DE SALAMM», va' di corsa alla posteria a prendere un po' di salame.


«L'HANN ARRESTAA IN DEL RACCANATT...», l'hanno arrestato dall'acquavitaio.


«TE SEET ON DRITTO FAA A RAMPIN», sei un dritto a rampino.


«MA VA' A CIAPPÀ DI RATT», ma va' a prendere topi!


«STOO IN CONTRADA DEL REBECCHIN», abito in contrada del Rebecchino.


«L'È ON IDEALISTA, ON SIGNOR DI RIBÈLL», è un idealista, un signore dei ribelli.


«OEH!...DAMAZZA DE RINGHERA», Ehi!!!... Gran dama da ringhiera.


«FÀ NAGÒTT E FÀ DANEE, L'È EL MESTEE DEL ROCCHETTEE»,
non far niente e far denaro è il mestiere del ruffiano.


«POVERÈTT, L'HA VARDAA I RONDIN A VOLÀ»,
poveretto, ha guardato le rondini volare.


«A LA SANFASAN», senza cura, fatta malamente.


«COME TE SEE BÈLLA STASERA, TE SEE TUTTA SBARLUSENTA»,
come sei bella questa sera, sei tutta luccicante!


«VA' CHE TE SBRÒFFI»,
guarda che ti spruzzo


«OEHI, TÌ SCHISCIADOLZ…»,
Ehi, tu pestapiedi….


«L'È TUTT SCIABALENT»,
è tutto sbilenco


«FÀ SCIAMBOLA»,

far gazzarra, far baracca


«LA BALLA COME ONA SCIORÈTTA»,
balla librata come una libellula. 


«VÀ DAL SCIOSTREE A TOEU EL CARBON»,
va' dal carbonaio a comprare il carbone.


«M'È ANDAA GIÒ ONA SCORLERA»,

mi è scesa una smagliatura.


«A LA SPOSA GHE SE ALZA EL SCOSSAA»,

buona notizia: la sposa è incinta; infatti le si solleva il grembiule.


«SCUFFIÒTT»

scapaccione


«GH'HOO ADÒSS ONA SGAGNOSA CHE GHE VEDI PÙ»

ho addosso una fame che non ci vedo più.


«GH'HOO PER I MAN ON SGARZORIN CHE L'È ONA MERAVIGLIA»,

ho per le mani una ragazzina che è una meraviglia!


«SGURET EL COO IN DEL LÀMBER»,

pulisciti la testa nel Lambro.


«PANTÒFOL E SIBRÈTT A ONA MÒTTA AL PARA»
pantofole e pianelle a una Motta al paio


«SÒNAPIFFER»


«VÈSS ON SONÈLL A TRII BUS»,
essere un flauto a tre soli fori.


«CHE SPUÈLL PER ONA CIALLÀDA»,
che baccano per una sciocchezza.


«PIÀNTEGH ONA STACCHÈTTA»,
piantaci un chiodo.


STRASCIAPÀTTA


STRAVACCÀ


«HOO CIAPPAA ON TAL STREMÌZZI CHE M'È ANDAA TUTT EL SANGH IN SACCÒCCIA»,
ho preso un tale spavento che il sangue mi è andato tutto in tasca.


«ATTENZION, L'È VUN TAJAA», attenzione è uno tagliato.


«MÈJ ON TANABUS INCOEU CHE ON CASTÈLL DOMAN»,
meglio un tugurio oggi che un castello domani.


«T'HEE CAPII, FINALMENT?» «NO!» «MA ALLORA TE SEE PRÒPPI ON TARLUCCH».
«Hai capito finalmente?» «No!» «Ma allora sei proprio un testone».


«VÈSS IN AFFARI CONT EL TELL», essere in affari con il Tell.


«QUÈLL LÌ L'È ON TIRAPEE», quello lì è un galoppino.


«TIRASÀSS», impermeabile


«GIURIN GIURÈTTA, TOCCA FÈRR», giuramentino, giuramentetta, tocca ferro.


«FACCIA DE TÒLLA», faccia di latta.


«I DANEE HINN I TRAPPOLIN DI IDEI», i soldi sono il trappolino delle idee.


«GH'È CHI LA TRICOLORA: SE BEV, SE PACCIA, SE LAVA LA FACCIA»,
c'è qui il tricolore: si beve, si mangia e si lava la faccia.


LÀSSOM ANDÀ CHE SONT IN TRUSCIA»,
lasciami andare che sono di fretta.


«SONT IN RITARD PERCHÈ HOO MINGA TROVAA ON VIRGILI»,
sono in ritardo perché non ho trovato un Virgilio.


«BASÀ LA FACCIA AL VITTÒRI»,
baciare la faccia al Vittorio.


SON TRA I DÒ ZAPPÈTT»,
sono tra le due zappette.


«TE DO ON ZOROCCH»,
ti do un ceffone.


Cerca

Facebook!