Stampa

di: Marchesi - Appiani
 

 

A gh’è i canzon che parlen de Milan
che disen di Navili e di sò ringher
stasera però mì voraria cantà
di ròbb che al mè paes se pò trovà.

 

Se sent el din-don-dan di nòst campann
la gent che la cammina per la contrada
se pò vedè vangà e somenà
la gent sòtta i lampion a cicciarà.

 

Vedi dal mè balcon i bei montagn
Grigna e Resegon par de toccà coi man
se sent sui tècc i passer a cantà
el merlo che quasi quasi el vegn in cà.

 

La gent de Milan la gh’ha el metrò
e invece numm la vèggia biciclètta
e i dònn che al venerdì vann al mercaa
che tacchen sul manuber la borsètta.

 

Se dann di gran ruzon tra i bancarei
e trann per ari tutta la mercanzia
a parlen tra de lor di sò fardei
e invece de comprà a scappen via.

 

L’è bèll vedè anmò dal mè balcon
la scima de la Grigna e del Resegon
sentì sui tècc i passer a cantà
el merlo che quasi quasi el vegn in cà:
sentì sui tècc i passer a cantà
el merlo che quasi quasi el vegn in cà.