Stampa

di: Aurelio Barzaghi

 

 

Ma che colpa ghe n’hoo mì
se me pias guardà i stell su in del ciel
a voeuna a voeuna,
se me pias guardà i oeugg d’ona tosa
vestida de sposa,
ma che colpa ghe n’hoo mì
se quand pioeuv dervi nanca l’ombrèll,
chi se ne frega
se me svegli de nòtt a pensà
chissà a che còsa
dai, dimmel tì che colpa ghe n’hoo mì,
dai, dimmel tì che colpa ghe n’hoo mì.

Dimmel tì, dimmel tì ‘me se fa
e sì che oramai gh’hoo la mia età
se gh’hoo sògn, pensa tì, voo a dormì
col vent che canta quasi stess de tì
insèma al sô ch’ el va ‘dree la montagna
intant che i margheritt se saren sù
la nev quand la ven giò, me pias ciappà
mì… saroo on poo matt
però me pias inscì.

E se ògni tant me ven la luna pièna,
dai, dimmel tì che colpa ghe n’hoo mì.

E se ògni tant me ven la luna pièna,
dai, dimmel tì che colpa ghe n’hoo mì.