Stampa

di: A.Barzaghi - G.Seropian

 

 

Bèstia, che afa, che afa, cha afa fa
la sutta a crèss, son ‘dree ‘ndà lèss
anca in piscina che cald, ma che cald che fa
sutti a bev ‘me on cammèll
gh’è vun in acqua, el noeuda ch’ el par on pèss
orca che rabbia, che rabbia, che rabbia gh’hoo
voeuri imparà anca mì, voeuri imparà a noà
istèss de lù.

Sono la bagnina signore mi ascolti un po’
si però si asciughi che
se vuol nuotare davvero le insegnerò
ma domà col salvagent
foo la bagnina in piscina, son chì per là
dai che fa caldo anca mì ne pòdi pù
se lù ‘l se tacca a mì, indoe se tocca nò
se buttom giò.

Che bagnina che bagnina ho
la bagnina che non scorderò mai mai mai.

Quèll che gh’è fra la bagnina e mì
sont on gentilòmm e v’el disi nò, nò, nò.

Bèstia, che afa, che afa, cha afa fa
la sutta a crèss, son ‘dree ‘ndà lèss.
Son diplomada bagnina de Cinisèll
mì gh’hoo calor 'stèss d’on fornèll.
Ghe voraria pròppi on tocchèll de giazz
ona granida de menta per rinfrescass
e poeu noà ‘me on pèss
e poeu noà ‘me on pèss
‘me on pess de gèss
e poeu noà ‘me on pèss
e poeu noà ‘me on pèss
‘me on pèss de gèss.