Stampa

di: Alberto Bega

 

 

Guardi con nostalgia sui nòster strad
se ved pù nient de vègg, gh’è tutt cambiaa
gh’è pù on poverètt in sul canton
cont on paltò strasciaa senza botton:
on capellasc tutt vonc e pien de bus
cerca la carità ai pedon
recòrdi come ‘l fudèss stamattina
on menestrèll che l’era el Barbapedana.

Mì sont on menestrèll, canti Milan
e giri per i strad de sta città
me foo accompagnà da la ghitàra
me senti come on vègg Barbapedana.
Intorna a mì gh’hinn semper tanti fioeu
che scolten tutt’ i stòri che canti mì
intanta che piangi per el mè Milan
sont on Barbapedana in sta città.

Vègg Barbapedana, indove te seet?
Me cerchen in di rion de sto paes,
ma ormai l’è on sògn quèll che foo mì
rivedi el tò gilè color ross pamporsin,
cont i botton tutt d’òr e sbarlusent
te cantet per fagh piasè a tanta gent
poggiaa sora i ringhier di alter temp
Barbapedana adèss, indove te seet?

musica

Intorna a mì gh’inn semper tanti fioeu
che ‘scolten tucc i stòri che canti mì
intant che piangi per el mè Milan
sont on Barbapedana in ‘sta città,
sont on Barbapedana in ‘sta città.

Ciao Barbapedana!