Cantà per la mia gent - Cabaret Milano Duemila

di: Giorgio Danese

 

Ma che vita de barba
tutti i dì in l’osteria
cuntà sù tanti ball
e fa cred a la gent
de vèss semper content.
Ma la luna ruffiana
la me scolta in sordina
la me dis che l’amor
certi vòlt el fà mal
lassa pèrd, va’ a cantà.

Voeuri cantà per la gent che la calca i teater
e regalagh el mè coeur quand me batten i man
mì son convint che la vita l’è ona serenada
la va cantada ògni dì a la toa innamorada.
Voeuri cantà per i giovin che se basen per strada
e per i ciocch che se scolen trii liter de vin
per i poètta che scriven “la vita l’è bèlla”
e per la gent che la prega e la pensa al doman.

Che miracol stasera
senti on aria sincera
tanti dònn sul balcon
che me disen: “ven sù a cantà i tò canzon”,
l’è ona fèsta nostrana
fa’ de gent a la bòna
ciappi in man la ghitarra
perché hinn pròppi lor la mia vera emozion.

Voeuri cantà per la gent che la calca i teater
e regalagh el mè coeur quand me batten i man
mì son convint che la vita l’è ona serenada
la va cantada ògni dì a la toa innamorada.
Voeuri cantà per i giovin che se basen per strada
e per i ciocch che se scolen trii liter de vin
per i poètta che scriven “la vita l’è bèlla”
e per la gent che la prega e la pensa al doman.

musica

Voeuri cantà per i giovin che se basen per strada
e per i ciocch che se scolen trii liter de vin
per i poeta che scriven “la vita l’è bèlla”
e per la gent che la prega e la pensa al doman;
per i poètta che scriven “la vita l’è bèlla”
e per la gent che la prega e la pensa al doman.

Cerca

Facebook!