Campagna - Cabaret Milano Duemila

di: Marco Candiani - Claudio Merli
Edizioni: Brocca

 

 

Mì soo nò, ma stanòtt l’è on poo magica
e in la mia ment la me mètt la voeuja di mè campagn
tradii de contravoeuja con l’illusion bosarda
d’ona fortuna che poeu hoo mai pù conossuu.

E tornaroo inscì per mì sarà ona fèsta
poeu staroo lì tra la mia gent che la spettava
chi sòtt el pòrtich, in de la stalla, gh’avrann in faccia
sègn de fadiga e de sacrifizzi trasaa in cassina.
Camminaroo sui sentee che carezzaven la campagna
cont el profumm de quèll fen che ha vist i fioeu che giugattava
e l’acqua ciara che corr intorna
l’è ona coròna a bon mercaa per la tèrra del coeur.

Lassi chi la città che mortifica,
tucc i penser che gh’hann domà voeuja de lassà indree
tutta quell’aria grama, el fumm che me soffega
e tanta gent che rid mai in di strad de Milan.

musica

Su ona cadrega a ciappà on poo d’aria starèmm insèmma
per quatter ciaccer faa in armonia in de la cassina.
Ghe cuntaroo che in città la gent la parla e la straparla
de imbottiglià nèbbia e fumm, l’è tutt on corr, on tira e mòlla
ma chi in campagna gh’è vera vita
tra la mia gent de brascià su e de streng in sul coeur.

Cerca

Facebook!