Stampa

di: Popolare

 

 

 

Bèi come numm la mama ne fa pù
se ròtt la macchinètta, se ròtt la macchinètta.
Bèi come numm la mama ne fa pù
se ròtt la macchinètta, al papà el ghe tira pù.

Mè pader fa il molètta e mì foo el molettin
quand sarà mòrt mè pader farò el molètta mì
e sing e sung e sang e sang e sung e sang e sin
mè pader fa el molètta e mì foo el monta su
mè pader ciappa i svansich e mì i pesciad nel cuu.

Oooooohhhhhhhhhhh Luciffero Luciffero
vestito di pelle di buffalo
faceva ballare le piattole sulle piante di tomattiche

mio Dio c’è tanta polvere perché non piove un po’
e mì che gh’hoo tanti debiti e mi che gh’hoo tanti debiti
mio Dio c’è tanta polvere perché non piove un po’
e mì che gh’hoo tanti debit,i ma come li pagherò

oooooohhhhhhhhhhh
Luciffero Luciffero vestito di pelle di buffalo
faceva ballare le piattole sulle piante di tomattiche.

Chichinscì l’è semper fèsta lerài
on ciondol leràj on ciondol lerài
chichinscì l’è semper fèsta lerài
on ciondol lerài
on ciondolo d’or!

uehi te la chì la Rosina: va come l’è abbronzada
te seet andada in montagna?

Per andare per andare a San Moritz
si fa il passo della Maloja
la Rosina la fa la jullalla
la Rosina la fa la jullalla

per andare per andare a San Moritz
si fa il passo della Maloja
la Rosina la fa la jullalla
per potersi divertir.

“vai vai vai vai….”

bottigliaio bottigliaio fa le botti
cadregaio fa le cadreghe
la Rosina la fa la jullalla
la Rosina la fa la jullalla

bottigliaio bottigliaio fa le botti
cadreghaio fa le cadreghe
la Rosina la fa la jullalla
per potersi divertir.

l’elefante l’elefante in bicicletta
fa la corte alla formica
la Rosina da via la jullalla
la Rosina da via la jullalla

l’elefante l’elefante in bicicletta
fa la corte alla formica
la Rosina da via la jullalla
per potersi divertir.

C’è la tigre col lione e il leofafantico
attaccati all’esil collo della svippera
con la forza del rino rinocerontico
con la forza del rino rinocerontico

c’è la tigre col lione e il leofafantico
attaccati all’esil collo della svippera
con la forza del rino rinocerontico
il collo si spezzò

Gh’avevi ona morosa in piazza Baracca
che la mangiava il fen compagn d’ona vacca
gh’è passaa via el dottor de l’ospedal
el gh’ha ordinaa la cura del giazz artificial

uehi……. l’è bèlla l’è bon e l’è san,
l’è san come ‘l corall
viva la macchina, viva la macchina

uehi……. l’è bèlla l’è bon e l’è san
l’è san come ‘l corall
viva la macchina del giazz artificial.

Gh’avevi ona morusa che stava in via Piopètt
e che la gh’aveva duu bugnon su i tett
gh’è passaa via el dottor de l’ospedal
el gh’ha ordinaa la cura del giazz artificial

uehi……. l’è bèlla l’è bon e l’è san,
l’è san come ‘l corall
viva la macchina, viva la macchina

uehi……. l’è bèlla l’è bon e l’è san
l’è san come ‘l corall
viva la macchina del giazz artificial.

Gh’avevi ona morosa che stava invers l’Ortiga
che la gh’aveva el mordison de tèsta
gh’è passa via el dottor de l’ospedal
el gh’ha ordinaa la cura del giazz artificial.

uehi……. l’è bèlla l’è bon e l’è san,
l’è san come ‘l corall
viva la macchina, viva la macchina

uehi……. l’è bèlla l’è bon e l’è san
l’è san come ‘l corall
viva la macchina del giazz artificial.

Era bella come agli orienti
ai tramonti ai tramonti
era bella come agli orienti
ai tramonti dei soli nascenti,

ma i miei non vuole
i suoi non è contenti
si sposeremo
li stessamenti

e la Cecilia l’è on’isolètta
l’è on’isolètta in mezzo al mar
parappappapaaaa
e la Cecilia l’è on’isolètta
noi la faremo spirifondar.

E detto fatto suona il campanello
e salta fuori Vittorio Emanuello

E Garibaldi faceva l’oste
Napoleone il cameriere trullallaaaa
e la regina dell’Inghilprussia
la ghe lavava giò i biccer

E scim e scium e sciam
e sciam e scim e scium
farèmm la rostisciada
farèmm la rostisciada

e scim e scium e sciam
e sciam e scim e scium
farèmm la rostisciada
con l’òli de la lum.

E scim e scium e sciam
e sciam e scim e scium
farèmm la rostisciada
farèmm la rostisciada

e scim e scium e sciam
e sciam e scim e scium
farèmm la rostisciada
con l’òli de la lum.