Stampa

di: Leonardo Casucci; Claudio Merli
 

 

 

Ridi Gigolò, danza Gigolò,
che per questo sei pagato,
oggi non sei più quel che un giorno fu.
il bell’ussaro adorato.
Tutto ormai crollò, lo splendor passò,
non serve ricordare,
……………………
sorridi e va a danzare!

Gira Gigolò, gira e gira anmò
e scarliga sù la pista
e fin che la và ciappa e pòrta a cà
ma ricòrda: el temp el passa
restarà nagòtt in di tò saccòcc
la gioventù svanida
……………………
a l’è ona stòria brutta.