Stampa

di: Popolare
 

 

 

La notte di carnevale ho fatto una morosa
la notte di carnevale ho fatto una morosa
e adèss soo pù se fà, se andala a ritrovà

vestii de cappuccino me convègn andà,
e adèss soo pù se fà, se andala a ritrovà
vestii de cappuccino me coónvégn andà.


Vestii de cappuccino bussai alla sua porta
vestii de cappuccino bussai alla sua porta
picchée picchée picchée, picchée fin che vorii

mì gh’hoo la dònna bèlla che la voeur morí,
picchée picchée pìcchée, picchée fin che vorii
mi gh’hoo la dònna bèlla che la voeur morí.

E prima di morire bisogna confessarla
e prima di morire bisogna confessarla
e vu che sii quel fraa, quel frate confessor

salite sulle scale a confessà il mio amor,
e vu che sii quel fraa, quel frate confessor
salite sulle scale a confessà il mio amor.

Per confessà il tuo amore ci vuol le porte chiuse
per confessà il tuo amore ci vuol le porte chiuse
le porte son serraa, le finestre spalancaa

òhi bionda bèlla bionda cunta sù i peccaa,
le porte son serraa, le finestre spalancaa
òhi bionda bèlla bionda cunta sù i peccaa.

Peccati dell’amore di amanti ce n’ho tanti
peccati dell’amore di amanti ce n’ho tanti
di amanti io ne ho tre più centoventitre

ma quello che mi piace sta davanti a me,
di amanti io ne ho tre più centoventitre
ma quello che mi piace sta davanti a me.

Il frate cappuccino sentì queste parole
el tira sù la gubbia e sotto a le lenzuole
e sotto a le lenzuole la testa in sul cussin
se ti te gh’hee la roeusa mì gh’hoo ’l gelsomin
e sotto a le lenzuole la testa in sul divan
se ti te gh’hee la vioeula mì gh’hoo ’l tulipan.

E sto porcon d’on fraa col sò cordon ch’el gh’haa
el m’ha impienii la tosa che gh’hoo de sposà!
E sto porcon d’on fraa col sò cordon ch’el gh’haa
el m’ha impienii la tosa che gh’hoo de sposà!