Stampa

di: Walter Valdi
 

 

 

In d'ona forèsta del Centro Katanga
gh'era la tribù dei Vacca put Hanga.
L'era ona tribù de negher del menga,
grand e ciolla e ballabiòtt.

Ò Vacca put hanga! Ò Vacca put hanga!
Ma varda che razza de negher del menga!

El gran capò Bantù Ballalonga
el vosava semper inscì.
Al gran capò Bantù Ballalonga
ghe piaseva la dònna bislonga.
El gh'aveva ona miee rotonda,
che la ghe rivava chì!

Ò Vacca put hanga! Ò Vacca put hanga!
Ma varda che razza de dònna del menga!

Voeuna di dò: ò che la se slonga,
ò se nò mì la voeuri pù.
El gran capò Bantù Ballalonga
l'ha faa foeura on stremizzi de fionda,
l'ha piazzada in d'el centrò Katanga,
poeu l'ha dii: “Adèss vardee cosa foo!”
L'ha ciamaa la soa dònna rotonda,
l'ha piazzada in del fond de la fionda,
poeu el gh'ha daa ona pesciada tremenda:
l'ha mandada a finì a Cantù.

Ò Vacca put hanga! Ò Vacca put hanga!
Intant che la vola 'sta dònna balenga
l'ha faa ona stregoneria tremenda:
tucc i Vacca put hanga da incoeu el ghe tira pù.

In d'ona forèsta del Centrò Katanga
gh'era la tribù dei Vacca put hanga.
L'era ona tribù de negher del menga:
adèss l'è ona tribù de cuu!

Ò Vacca put hanga! Ò Vacca put hanga!